Martes 21 de Noviembre de 2017
El portal de la papa en Argentina
0%Variación precio
puestos MCBA
  • Intervalos nubososBalcarceBuenos Aires, Argentina
    - 17°
  • DespejadoVilla DoloresCórdoba, Argentina
    14° - 29°
  • Intervalos nubososRosarioSanta Fe, Argentina
    14° - 24°
  • DespejadoEstacion UspallataMendoza, Argentina
    - 24°
  • DespejadoCandelariaSan Luis, Argentina
    16° - 32°
  • Cielos NubososChoele ChoelRío Negro, Argentina
    10° - 24°
  • Cielos nubosos con lluvia débilSan Miguel de Tuc.Tucumán, Argentina
    20° - 26°
Ampliar
 Buscador de Noticias
Europa 16/05/2017

Italia: Raggiunto l’accordo per le patate da consumo fresco

Le rappresentanze della filiera pataticola emiliano-romagnola annunciano che è stato raggiunto l’accordo per la stipula del Contratto Quadro tra l’Organizzazione dei Produttori ASSOPA e le imprese dei commercianti rappresentati da Fruitimpres.

L’accordo, anche se raggiunto in ritardo per la corrente campagna, ha due obiettivi di base: fornire ai consumatori un prodotto di migliore qualità e garantire un’equa e trasparente remunerazione ai diversi soggetti della filiera.

L’Assessore regionale all’agricoltura Simona Caselli ha espresso apprezzamento per l’impegno profuso dalle parti e per il raggiungimento dell’intesa: "Si tratta di un accordo positivo in quanto persegue la strada di incrementare la qualità, unica possibilità per tutelare e difendere i redditi dei produttori di patate. L’accordo, inoltre, migliora il percorso per la determinazione del prezzo e introduce una tutela per i produttori in caso di campagne caratterizzate da andamenti di mercato particolarmente negativi".

Cosa prevede l’intesa

Tutta la produzione ai sensi del Contratto Quadro dovrà rispettare il disciplinare di Produzione Integrata della Regione Emilia-Romagna, condizione necessaria per mantenere livelli qualitativi di eccellenza al quale si aggiungono i disciplinari di Selenella e della Patata di Bologna DOP.

Viene confermato il Comitato Tecnico Agronomico (CTA), che coordina e sviluppa azioni di tipo tecnico sia sul fronte produttivo che della conservazione, per aumentare l’omogeneità di comportamento degli operatori e alzare il livello di qualità del prodotto immesso sul mercato.

E’ confermato il funzionamento generale del Contratto Quadro: i produttori sottoscrivono, attraverso l’OP, contratti con i commercianti utilizzando un modello contrattuale standardizzato e scelgono la modalità di cessione e pagamento: vendita a prezzo fisso garantito (al massimo il 30 % della produzione), vendita con prezzo definito o conferimento in conto deposito con prezzo da determinare.

Importante novità è l’innalzamento della percentuale di pagamento rispetto al prezzo del conto deposito, in assenza di conclamate crisi di mercato, e che prevede con un acconto ulteriore del 5% da pagare entro il 31 gennaio successivo alle consegne. Altra novità molto importante è l’impegno delle parti a redigere e approvare un regolamento che definisca un prezzo minimo per le tre campagne, da applicare in caso di forti squilibri di mercato che comportino una cessione del prodotto in conto deposito al di sotto dei costi di produzione. Le parti concordano infine di migliorare le norme di qualità utili alla classificazione del prodotto in entrata a partire dalla campagna 2019, dopo avere svolto specifiche valutazioni tecniche.

A commento Michele Filippini, presidente di ASSOPA l’O.P. che rappresenta tutta la parte produttiva del contratto quadro, afferma: "Per quanto non tutte le richieste del mondo dei produttori pataticoli siano state accolte, questo contratto quadro aggiunge nuove garanzie per tutta la filiera e premia gli agricoltori che compongono il sistema pataticolo bolognese ed emiliano romagnolo. In un’agricoltura in cui ogni altro prodotto perde progressivamente la capacità di remunerazione, la coltivazione della patata, oggi come 200 anni fa, rimane una risorsa fondamentale e insostituibile per il settore agricolo. E in questo ambito il sistema produttivo ed agroindustriale emiliano romagnolo si afferma come modello a livello nazionale. ASSOPA oggi associa più di 700 imprese agricole ed insieme a queste sta sperimentando sistemi di innovazione tecnologica ed agronomica di grande rilievo che, anche grazie al Contratto Quadro, potranno trovare più appropriati e stabili ambiti di applicazione e sviluppo".

Giulio Romagnoli per Fruitimprese, organo di rappresentanza, della parte commerciale insieme a ASCOM Bologna, afferma: "E’ con soddisfazione che giungiamo al rinnovo di un accordo che, ormai da alcuni decenni, regola i rapporti interni alla nostra filiera in un contesto di interprofessione reale e trasparente. Tale Accordo non solo rinforza il legame e le garanzie reciproche per i componenti di una filiera che è la più corta e organizzata possibile, ma, per i contenuti etici e di implementazione della qualità e della sicurezza che porta in sé, rappresenta uno strumento di garanzia straordinario anche per il mondo del consumo e della distribuzione. L’auspicio è che le produzioni oggetto di tale Accordo, unico in Italia, possano finalmente vedere riconosciuto in ogni fase commerciale il loro reale valore rispetto a produzioni indifferenziate o prive delle medesime garanzie. Un grazie particolare alla regione Emilia Romagna che da sempre si fa promotrice e garante della corretta applicazione di questo prezioso strumento, importante traino per tutta la pataticoltura nazionale, e a tutti gli operatori e agricoltori che con grande impegno continuano a credere nel lavorare insieme".

Contatti:

Associazione Produttori Patate Società Agricola Cooperativa

Via Tosarelli 155

40055 Villanova di Castenaso (BO)

Tel.: +39 051 782170

Fax: +39 051 782356

Email: info@assopa.com

Fuente: http://www.freshplaza.it/article/90896/Raggiunto-laccordo-per-le-patate-da-consumo-fresco


Te puede interesar